Le fotografie di prodotto con rotazione a 360° non sono vero 3D

E’ necessario fare subito una doverosa distinzione per comprendere meglio l’argomento dell’articolo.

L’aspetto piano di una fotografia panoramica a 360°

Non sto parlando delle foto panoramiche a 360° e che facilmente si possono scattare con il proprio cellulare e pubblicare su Facebook. Non hanno nulla di tre dimensioni ma sono semplicemente una visualizzazione sferica di uno scatto fotografico panoramico (per i più tecnici: l’implementazione richiede in effetti elementi di programmazione 3D ma non è questo l’argomento del post).

Quando parlo di fotografie 360° di prodotti sto parlando di quelle piattaforme di vendita che, oltre a mostrare fotografie dei dettagli del prodotto, permettono di visualizzarlo ruotandolo di 360° su uno degli assi (solitamente l’asse centrale verticale). Per farvi meglio comprendere di cosa sto parlando potete trovare un esempio a questo link mentre qui sotto potete vederne un risultato animato (in GIF):

Purtroppo nel 3D web marketing questo è uno dei fraintendimenti più fastidiosi.
Spesso infatti le richieste in questo ambito sono del tipo “Voglio mostrare il mio prodotto in 3D, potendolo ruotare!” oppure “Ho bisogno della stessa funzionalità di quel sito che mostra i prodotti in 3D”. Ebbene, non si tratta di 3D ma di una successione di fotografie (dunque in due dimensioni) che creano l’effetto ottico di rotazione anche grazie allo spostamento del mouse lungo l’asse centrale. Nulla di realizzato attraverso un software di modellazione o una scansione 3D, ma semplicemente un “trucco” interattivo ben architettato.

Rimane senza dubbio una tecnica interessante in quanto permette la visualizzazione fedele e puntuale del prodotto (perchè scattata con una macchiana fotografica) ma di certo non si tratta di utilizzo del 3D nel web.
Se da un lato le difficoltà tecniche dietro ad un risultato simile si limitano allo scatto in sequenza di un oggetto (aiutati da un basamento girevole e uno sfondo bianco), dall’altro la modellazione 3D di un prodotto richiede ingenti risorse per poter essere creata ed implementata correttamente. Questo apre scenari differenti in cui si scontrano 3 importanti fattori:

  • Il costo di produzione basato sul budget del cliente
  • L’aspetto finale di visualizzazione del prodotto
  • La user experience

Avremo modo di riparlarne nel dettaglio.

Daniele Ferlahttps://www.desdinova.it
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.

Must Read

Abilitare l’autocomplete(intellisense) per Visual Studio in Unity 3D

Per chi programma molto Unity3D con gli script, purtroppo può capitare che l'editor Visual Studio non riconosca l'auto-completamento (o intellisense) degli oggetti...

Configuratore 3D Online: funzionalità del motore grafico

Non può esistere configuratore 3D senza motore grafico 3D. In buona sostanza si tratta di quel sistema di metodi e funzionalità che permettono di visualizzare elementi 3D all'interno di un mondo (chiamata "scena") e che sfruttano librerie grafiche di visualizzazione. Nel nostro caso specifico inoltre parliamo di un ambiente di tipo online e quindi utilizzabile da browser web (Explorer, Chrome, Safari, etc) e da mobile (smartphone e tablet).

Configuratore 3D Online: Componenti di configurazione e di interazione frontend

Un configuratore 3D è, per definizione, un applicativo che deve permettere la personalizzazione di un prodotto rispetto a scelte compiute dall'utente. Esistono chiaramente diversi livelli di personalizzazione, dal più semplice al più complesso, che influiscono sia sulle caratteristiche estetiche ma anche sui comportamenti del prodotto stesso. La personalizzazione quindi deve poter essere eseguita in modo autonomo attraverso una interfaccia frontend efficace, usabile e soddisfacente alla vista