Il web diviso in due

Per esperienza personale sono arrivato a suddividere l’approccio degli “esperti” web (o presunti tali) in due grandi categorie: chi realizza siti internet e chi offre consulenza web.
Vorrei quindi passare in esame queste due figure che possiamo ricondurre sia ad un singolo professionista sia ad una società vera e propria. 

Chi realizza siti internet

Progettare e realizzare un sito web oggi può essere molto semplice oppure molto difficile. In tempi di crisi come questi e in tempi in cui la concorrenza è spietata chi realizza siti web riconduce la propria attività verso l’approccio più facile quindi spesso scaricando un template da pochi dollari oppure installando una piattaforma CMS gratuita (qualcuno ha detto WordPress?) oppure usando una piattaforma già consolidata da tempo. Non di poco conto inoltre la possibilità di offrire la creazione di profili personali per l’attività oppure pagine fan con l’obiettivo di condividere a scadenza alcuni post sull’argomento. L’approccio è quindi quello di realizzare un prodotto fatto e finito, venduto al prezzo di mercato (se va bene), seguire inizialmente alcuni aspetti e passare al cliente successivo. Da li a qualche mese, magari un anno circa contestuale al rinnovo del dominio, risentire il cliente se ha ancora necessità oppure per proporre nuove migliorie o prodotti. Questo approccio è trasversale negli anni: veniva applicato 15 anni fa, veniva applicato 5 anni fa, viene applicato ora e funzionerà anche tra 10 anni.

In questa categoria:
il cugino di mio zio, i nerd, i grafici reinventati sul web, i webdesigner improvvisati, le società con 5 dipendenti e 800 clienti, le società con 2 clienti, i neolaureati, gli smanettoni

Chi offre consulenza web

Offrire una consulenza significa prima di tutto proporre un servizio, un servizio su misura del cliente. Il cliente non è “un’altro dei prossimi clienti” ma è il fulcro di una strategia che non parte dal consulente, ma parte dal cliente stesso. Il consulente non realizza solo siti web o pagine fan di Facebook, il consulente è prima di tutto colui che traccia i passi di un percorso da percorrere con il cliente grazie al quale quest’ultimo si sente partecipe e tenuto per mano. Realizzare un sito web è solo un parte di questo servizio che include prima di tutto il capire le necessità del cliente (potrebbe non aver bisogno del sito internet), analizzare le strategie già attuate (ed i punti deboli), spiegare tutti gli strumenti a disposizione e consigliare quelli da usare, rendersi disponibile come referente unico per il marketing e la pubblicità.

In questa categoria:
gli informatici con esperienza, i consulenti web, i collaboratori IT qualificati, società di marketing specializzate

Conclusioni

E’ chiaro come i due approcci siano completamente diversi uno dall’altro, chi vende un prodotto fatto e finito e chi vende una strategia. Dipende sempre dal target in gioco (il cliente) che può aver bisogno semplicemente di un sito web oppure di una spalla che segua tutto il percorso. Non sta a me dire quanto nel primo caso il cliente sia semplicmente la fonte di un introito sporadico (e magari di un malcontento), nel secondo caso la fonte di una collaborazione duratura e proficua per entrambi.

E tu da che parti stai?
Chi vende siti web oppure chi offre consulenza?

Daniele Ferlahttps://www.desdinova.it
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.

Must Read

Configuratore 3D Online: Modalità di generazione della richiesta di personalizzazione

Nello sviluppo di un configuratore 3D una delle questioni più importanti da valutare e l'ultima parte del flusso di configurazione. Sembrerà strano...

Alternativa gratuita a ExQuilla for Microsoft Exchange per Thunderbird: DevMail

Per chi utilizza account Microsoft Exchange (di fatto indirizzi di posta su Microsoft 360) configurati su Mozilla Thunderbird attraverso l'add-on ExQuilla, in questi giorni avrà ricevuto sicuramente un avviso di scadenza della licenza, seppur fino ad ora gratuito.

Uno sguardo al 3D realtime oggi

Sono i numeri a parlare di un aumento di richieste professionali in ambito 3D realtime per sviluppi web. Negli ultimi due anni infatti la richiesta è aumentata del 600% rispetto alle richieste nell'ambito della pura modellazione 3D (quella eseguita tramite software come 3DS, Maya, etc). E' una richiesta destinata a cresce ancora e che prevede anche un salario più alto di circa il 20%.