Investi nei tuoi dipendenti

Durante le ferie estive ho avuto modo di leggere il bellissimo e popolarissimo saggio “The Thank You Economy” di Gary Yaynerchuk nel quale sottolinea quanto un business efficace deve essere necessariamente sostenuto da un sistema semplice, genuino, pacato fatto appunto di “Thank you”.

Affronta diversi argomenti ma quello che mi ha fatto riflettere maggiormente è il capitolo “Invest in Employees” dove appunto argomenta quanto sia necessario, da parte del capo di una azienda/società/agenzia, investire nei propri dipendenti. Ecco quindi, liberamente tratte dallo scritto di Yaynerchuck, alcune considerazioni che pone direttamente, ed ipoteticamente, ad un capo.


Chi sarà quello che continuerà a dire che la tua società ha bisogno di una pagina fan su Facebook?
Chi sarà quello che si occuperà di inserire nuove news nel blog e utilizzerà i social media per farle arrivare a più persone possibili?

Puoi anche non sapere come funzionano i social media ma devi sapere che i tuoi dipendenti li usano abitualmente. E non solo conoscono bene la tua azienda, ma conoscono anche il modo per aiutarla a crescere considerevolmente. Starai sicuramente pensando che questa “cosa” dei social media finirà abbastanza presto in un nulla di fatto ma le persone che mettono sè stesse in tutto questo, compresa la faccia ed il nome, sono uno dei beni più preziosi della tua azienda. Non lasciare che questi dipendenti si sentano frustrati dal tuo rifiuto di ascoltare le loro nuove idee, faresti un errore, decideranno di andarsene prima o poi. Molti capi investono poco nei loro dipendenti perchè hanno paura del giorno in cui se ne andranno lascieranno un vuoto incolmabile; ogni investimento che fai sui tuoi dipendenti sarà invece vincente se ti prenderai cura di loro e del loro futuro. Serve creare una cultura che premia chi dimostra di curare sè stesso ma sopratutto cerca le idee di chi tende a mettersi in gioco e a rischiare condividendo grandi idee. Dimostra di apprezzare i tuoi dipendenti sopra ogni altra cosa dando loro la libertà di chiedere quello che vogliono, di sperimentare, di essere loro stessi.

Un giorno, anche se farai questi sforzi, i tuoi dipendenti decideranno di andarsene verso un posto più sicuro e migliore, in un’altra società. Desideri persone ambiziose nel tuo team, ma le persone ambizione sono sempre alla ricerca di nuove opportunità. Ma anche se se ne vanno, i tuoi sforzi non saranno stati vani, perchè questo significherà la crescita della reputazione della tua società e sarà vista come un posto in cui le persone possono crescere e fare carriera. Questo è il tipo di reputazione che attrae i migliori e i brillanti che sono esattamente quelli che vuoi nel tuo staff. Inoltre, e sopratutto, se hai veramente costruito una azienda che valorizza il suo personale, molti dipendenti cercheranno di ritornare, portando con loro più esperienza, più capacità e prospettive più empie.

Quando le persone sono felici, vogliono rendere felici le altre persone. Perciò se il tuo significato è di rendere felici i tuoi clienti serve prima rendere felici i tuoi dipendenti.
Troppe aziende hanno paura di “essere aperte” ma se si sta facendo bene al proprio interno e si assumono le persone giuste, non c’è nulla da temere. Molte non vogliono che venga diffuso il messaggi sbagliato, ma se si sta facendo bene è improbabile che tale messaggio sbagliato ci sia.
C’è ancora un rischio però, vero? E se qualcuno dicesse qualcosa di sbagliato sui social media, oppure ad un conoscente, sulla tua azienda o sul tuo brand? lasciati dire che poche volte è difficile sistemare una situazione simile se si cerca il dialogo in modo pacato, nell’immediato e con buone intenzioni. Gran parte dei disastri aziendali sono dovuti alla mal gestione di queste situazioni “di crisi”, non tanto per la situazione stessa.

Da tutto questo quindi c’è da prendere veramente atto di come i dipendenti siano l’anima della propria società, di come deve essere necessario renderli “felici” (il che molto spesso non coincide con un mero aumento di stipendo) per poter rendere felici, di riflesso, i propri clienti. Questo si traduce nell’ascoltarli, nel farli sentire partecipi del processo aziendale (il che molto spesso non significa proporgli delle quote societarie) e nel lasciarli liberi di costruirsi il proprio Personal Branding attraverso la rete, attraverso le conoscenze, attraverso i propri progetti e attraverso tutti quegli strumenti che permettono maggiore interazione con il mondo che si trova all’esterno della propria società, non il contrario.

Se poi se ne andranno allora i casi sono solamente due:
1. Non avete capito nulla di tutto questo, non lo avete messo in pratica e avete sempre parlato male dei vostri ex-dipendenti;
2. Avete capito in pieno tutto questo e siete stati in grado di formare una persona ambiziosa, capace e dalla ampia reputazione;

Nel primo caso siete un fallito, nel secondo siete un capo.

Daniele Ferlahttps://www.desdinova.it
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.

Must Read

Configuratore 3D Online: Modalità di generazione della richiesta di personalizzazione

Nello sviluppo di un configuratore 3D una delle questioni più importanti da valutare e l'ultima parte del flusso di configurazione. Sembrerà strano...

Alternativa gratuita a ExQuilla for Microsoft Exchange per Thunderbird: DevMail

Per chi utilizza account Microsoft Exchange (di fatto indirizzi di posta su Microsoft 360) configurati su Mozilla Thunderbird attraverso l'add-on ExQuilla, in questi giorni avrà ricevuto sicuramente un avviso di scadenza della licenza, seppur fino ad ora gratuito.

Uno sguardo al 3D realtime oggi

Sono i numeri a parlare di un aumento di richieste professionali in ambito 3D realtime per sviluppi web. Negli ultimi due anni infatti la richiesta è aumentata del 600% rispetto alle richieste nell'ambito della pura modellazione 3D (quella eseguita tramite software come 3DS, Maya, etc). E' una richiesta destinata a cresce ancora e che prevede anche un salario più alto di circa il 20%.