#ioimprenditore – Ti do un brutta notizia

Stamattina il famoso Marco Montemagno (che consiglio a tutti di seguire) ha lanciato uan campagna di sensibilizzazione sull’essere imprenditore chiedendo a tutti di dare il proprio contributo con l’hashtag #ioimprenditore sui propri canali social. Attività assolutamente lodevole da parte di Montemagno grazie al quale è possibile confrontarsi sul tema e sulle difficoltà che l’essere imprenditore comporta, ogni giorno.

Se da un lato inizialmente ho cercato di scoprire cosa gli imprenditori dicessero di loro, dall’altra ho iniziato subito a notare come l’uso di tale hashtag sia stato travisato per un semplice, anzi semplicissimo, motivo: tale hastag è stato usato (e viene usato tutt’ora) soprattutto da liberi professionisti e non da imprenditori. Questo mi ha fatto sorgere seri dubbi sulla credibilità di molti professionisti del web (che seguo ma che ho anche scoperto grazie all’hastag in questione) che a quanto sembra si definiscono imprenditori.

Tralasciando la definizione di imprenditore puramente fiscale, tributaria ed economica, a mio avviso essere imprenditore non significa aver aperto un giorno la partita IVA, lavorare in proprio e pagare le tasse. Essere imprenditori è sicuramente qualcosa che ti viene riconosciuto per dei meriti e non auto definito da se stessi… come se fosse figo esserlo, solo per dirlo. Inoltre gli elementi di differenza più tecnici, se vogliamo, vanno ricercati nelle capacità di gestire una azienda, nell’avere la responsabilità dei propri dipendenti e delle loro famiglie, nella conoscenza di certi meccanismi di bilancio o conto economico, nella volontà di fare impresa (quella vera) che genera utili, nella capacità di investire e muovere denaro.

Caro libero professionista che si è sentito preso in causa dall’hashtag di oggi… non sei imprenditore. Senza offesa. Il fatto che ti svegli ogni giorno per portare a casa la pagnotta, che lotti ogni giorno con clienti assillanti, che hai debiti ma anche crediti da riscuotere, che lavori 18 ore al giorno e non fai ferie, non ti fa imprenditore e nemmeno figo.

Concludo con una nota: non sono un imprenditore, sono solo un umile libero professionista, ed ovviamente non ho saputo dare il mio contributo alla causa dell’hashtag di Marco Montemagno. Mi limito a leggere.

Daniele Ferlahttps://www.desdinova.it
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.

Must Read

Configuratore 3D Online: Perché il tuo sito dovrebbe averne uno e perchè no

Cosa è un configuratore 3D online In questa doverosa introduzione è necessario chiarire cosa si intende per "Configuratore 3D...

Il 3D marketing rivoluzionerà il digital marketing?

Per poter dare una risposta certa alla domanda dell'articolo è necessario prima di tutto fare alcune considerazioni su argomenti che influiscono notevolmente su tematiche che, in realtà, stanno anche al di fuori del web. Di seguito quindi una panoramica sugli argomenti principali nell'affrontare il 3D marketing e un personale conclusione sullo stato dell'arte.

I voxel, la versione 3D del pixel

Se parlando di grafica 2D ci troviamo a introdurre il concetto di pixel, nella grafica 3D è necessario parlare di voxel come unità di misura del volume occupato nelle componenti x,y,z nello spazio. Con questo articolo cerco di far luce su questa relativamente nuova unità di misura che passa dalla teoria della rappresentazione volumetrica fino alla stampa 4D, passando all'uso artistico ed estetico del mezzo grazie a recenti videgiochi.