Social media un tanto al chilo

I social networks in questi ultimi anni sono diventati, volendolo o meno, una parte importante della comunicazione aziendale.

Se da un lato le aziende ancora faticano a capirlo e ad integrarli all’interno dei flussi comunicativi, dall’altra gli esperti web ne hanno colto le potenzialità fin da subito.

E’ per questo motivo che molti si sono reinventati “social media manager” o “social networks expert” fregiandosi di doti e capacità di gestione di account sociali per aziende.
Purtroppo la realtà dei fatti è di natura diversa in quanto può sembrare semplice gestire pagine e account sui social networks ma è solo un miraggio che è destinato a svanire già dai primi utilizzi se non lo si fa in modo integrato, strategico.

I più furbi e scaltri hanno inoltre iniziato a fare quello che di fatto è l’errore più grande che si può commettere quando si propone ad un cliente l’approccio ai social networks: l’apertura di più account contemporaneamente. E’ così quindi che nascono improbabili liste di social networks dai nomi più complicati e che di fatto, per la maggior parte del pubblico e del target del clienti, sono perfettamente sconosciuti.

L’approccio deve essere di ben altra natura: consulenziale, non automatizzato all’apertura di diversi account.
E’ necessario fare, prima di tutto, un’analisi del business aziendale e contestualmente un’analisi del target e delle sue abitudini quotidinane. Da qui ne deriva che sarebbe perfettamente inutile, ma sopratutto una perdita di tempo, imporre l’utilizzo di Twitter se l’utente non ha nulla da condividere negli orari di maggior posting oppure non abbia necessità di un contatto diretto e minuto-per-minuto con il suo cliente tipo. Così come aprire un canale Youtube per un cliente che ha solo due video da condividere. Oppure ancora, utilizzare Pinterest se il target non è prettamente femminile.

I social networks non devono essere visti come un modo forzato di comunicare a tutti i costi il proprio messaggio su più piattaforme possibili. I social networks devono essere invece visto come una possibile opportunità per diminuire la distanza tra azienda e cliente al fine di facilitare la comunicazione e la condivisione di argomenti comuni.

Aprire account su social networks che “vanno di moda” è solo un modo per vendere un servizio fatto male e sopratutto inutile. Se aggiungiamo inoltre che il non mantenere aggiornati tali account rischia solo di far fare una pessima figura al cliente la questione si sposta unicamente sul mero guadagno di chi, con belle parole e pochi sforzi, vende fumo e false promesse.

E tu?
Ti sei fatto aprire 10 account sui social?

Daniele Ferlahttps://www.desdinova.it
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.
Aiuto aziende e professionisti che hanno bisogno di sviluppare in modo creativo, alternativo ed efficace la loro identità digitale e che desiderano ottenere visibilità e risultati concreti attraverso lo sviluppo di strumenti online dall'elevata innovazione e personalizzazione.

Must Read

Configuratore 3D Online: Modalità di generazione della richiesta di personalizzazione

Nello sviluppo di un configuratore 3D una delle questioni più importanti da valutare e l'ultima parte del flusso di configurazione. Sembrerà strano...

Alternativa gratuita a ExQuilla for Microsoft Exchange per Thunderbird: DevMail

Per chi utilizza account Microsoft Exchange (di fatto indirizzi di posta su Microsoft 360) configurati su Mozilla Thunderbird attraverso l'add-on ExQuilla, in questi giorni avrà ricevuto sicuramente un avviso di scadenza della licenza, seppur fino ad ora gratuito.

Uno sguardo al 3D realtime oggi

Sono i numeri a parlare di un aumento di richieste professionali in ambito 3D realtime per sviluppi web. Negli ultimi due anni infatti la richiesta è aumentata del 600% rispetto alle richieste nell'ambito della pura modellazione 3D (quella eseguita tramite software come 3DS, Maya, etc). E' una richiesta destinata a cresce ancora e che prevede anche un salario più alto di circa il 20%.